L’insorgenza delle malattie neurodegenerative quali il Parkinson, l’Alzheimer, la SLA e altre, dipende dall’età e considerato che l’aspettativa di vita, già superiore agli 80 anni, tenderà ad aumentare, si prevede un cospicuo aumento delle malattie neurodegenerative. Lo afferma un documento predisposto dagli scienziati dei maggiori paesi dei mondo: USA, Canada, Francia, Germania, Italia, Giappone, Gran Bretagna. Attualmente nel mondo i malati di Alzheimer sono 47 milioni, ma aumenteranno a 135 milioni nel 2050. Poiché al momento non è noto un farmaco specifico ed efficace che consenta di rallentare, bloccare o invertire il decorso della malattia, il costo per l’assistenza potrebbe aumentare a parecchi trilioni di dollari all’anno e il peso per le famiglie sarà devastante. Il documento predisposto dagli scienziati, che indica la ricerca e la prevenzione come le possibili vie da seguire, sollecita una decisione politica risoluta e globale per prevenire uno tsunami neurologico.
Per approfondire: info@fondazioneigea.it – tel. 0688814529

gg-5x1000-scritta

Per aiutare la prevenzione e la diagnosi precoce delle demenze e dell’Alzheimer, si può destinare il 5X1000 della dichiarazione dei redditi, basta scrivere il codice 97822960585 nel riquadro “sostegno del volontariato e delle altre…..” e firmare, non costa nulla.

Per fare una donazione che è detraibile dalle imposte, si può versare sul conto bancario: IBAN  IT92C0306903287100000004476

Stampare e consegnare al commercialista