Sono molto importanti per cercare di combattere le malattie neurodegenerative come l’Alzheimer, che distrugge i neuroni, gli studi sulla capacità, purtroppo molto limitata, del cervello adulto di produrre migliaia di nuovi neuroni. Nel cervello adulto ci sono circa 90 miliardi di neuroni e la produzione di qualche migliaio di neuroni è ancora poca cosa, specialmente se si considera che nell’individuo adulto i neuroni vanno progressivamente scomparendo per un fenomeno fisiologico. La capacità di produrre neuroni va dalla nascita fino agli anni verdi, dopo praticamente si ferma e resta limitata appunto a solo poche migliaia. Una nota di agenzia citando i risultati di una ricerca della Columbia University, coordinata dall’italiana Maura Boldrini, afferma che “anche quando si è anziani il cervello, se sano, continua a rigenerarsi come quello giovane, grazie alla produzione di nuovi neuroni”. Questo è vero solo teoricamente perché nella pratica le migliaia di nuovi neuroni, generati nell’ippocampo, non posso certamente compensare la scomparsa naturale di milioni di neuroni. Nella nota di agenzia si legge inoltre che “contrariamente a quanto si riteneva, anche quando si è anziani il cervello, se sano, continua a rigenerarsi”, “lo dimostra per la prima volta la ricerca della Columbia University”. In realtà la prima scoperta della capacità del cervello di un adulto di generare neuroni risale al 1962 con gli studi di Joseph Altman, successivamente confermati nel 1998 da Fred H. Gage e Peter Eriksson. Resta comunque il fatto che il nostro cervello ha una grande capacità di lavorare se si tiene attivo e la Prof.ssa Rita Levi Montalcini ricordava che “se il cervello lavora sodo si rinnova continuamente anche dopo gli 80 anni, e al contrario di tutti gli altri organi può continuare a migliorare”.
Questo è stato clinicamente confermato dai risultati ottenuti all’Istituto di Neuroscienze del Consiglio Nazionale delle Ricerche con il protocollo Train the Brain che viene applicato dalla Fondazione IGEA Onlus. Con uno stile di vita sano, in un ambiente stimolante, con interazioni sociali ed esercizio fisico, possiamo mantenere sani e funzionanti i nostri neuroni, e contribuire ad un invecchiamento sano.
Per informazioni e approfondimenti www.fondazioneigea.it info@fondazioneigea.it tel. 068881452906

gg-5x1000-scritta

Per aiutare la prevenzione e la diagnosi precoce delle demenze e dell’Alzheimer, si può destinare il 5X1000 della dichiarazione dei redditi, basta scrivere il codice 97822960585 nel riquadro “sostegno del volontariato e delle altre…..” e firmare, non costa nulla.

Per fare una donazione che è detraibile dalle imposte, si può versare sul conto bancario: IBAN  IT92C0306903287100000004476

Stampare e consegnare al commercialista