SKY TG24 ore 8 del 12 marzo 2019.
La ricerca europea punta in alto: il prossimo obiettivo è lo sviluppo di un ‘sosia’ computerizzato del cervello. Le maggiori menti del continente stanno cooperando in sinergia perprogettare e realizzare una piattaforma super tecnologica in grado di svelare i misteri delcervello umano. A rivelare l’ambizioso traguardo sono stati gli esperti dell’Istituto europeo per le ricerchesul cervello (Ebri), promosso dal Nobel Rita Levi Montalcini, a Roma, in occasione della apertura della Settimana del cervello, in corso dall’11 al 17 marzo 2019, Human Brain Project. Si tratta di una tecnologia che rientra nell’ambito del progetto Human Brain Project, che ha preso il via nel 2013 e vanta un finanziamento pari a un miliardo di euro stanziato dalla Commissione Europea. Sono 120 gli istituti sparsi in tutta Europa, tra i quali 12 italiani, che attualmente collaborano per portare a termine l’ambiziosa sfida. I ricercatori sono ora all’opera per studiare e riuscire a decodificare ‘il linguaggio’ dei neuroni. Nello specifico, si stanno focalizzando sui segreti dell’alfabeto molecolare con il quale le cellule cerebrali comunicano tra loro e realizzano le sinapsi.”Stiamo cercando le proteine importanti per la plasticità del cervello”, spiega Enrico Cherubini, il direttore scientifico dell’Ebri. In futuro diagnosi personalizzate. Gli esperti dell’Istituto europeo per le ricerche sul cervello, insieme ai ricercatori dell’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare (Infn), dell’Istituto Superiore di Sanità (Iss) e dell’Università Statale di Milano, sono impegnati nello sviluppo della piattaformatecnologica per “la simulazione del cervello in silico”. Il progetto sarà prezioso in futuro per realizzare ulteriori sperimentazioni e ricerche atte a svelare i segreti del cervello. La piattaforma verrà arricchita anche da numerose informazioni provenienti dagli ospedali europei che collaborano al progetto. Come rivela Cherubini, gli esperti mirano alla creazione di un enorme database utile per realizzare diagnosi personalizzate. Se il progetto verrà portato a termine con successo, basterà inserire nella piattaforma i sintomi di ogni singolo paziente per avere un quadro completo della sua situazione.
Per approfondimenti sulle ricerche e sulle possibilità di prevenzione contro l’invecchiamento del cervello, la perdita di memoria e le patologie collegate telef. 06 88814529 o visitare il sito www.fondazioneigea.it o inviare una mail a info@fondazioneigea.it

gg-5x1000-scritta

Per aiutare la prevenzione e la diagnosi precoce delle demenze e dell’Alzheimer, si può destinare il 5X1000 della dichiarazione dei redditi, basta scrivere il codice 97822960585 nel riquadro “sostegno del volontariato e delle altre…..” e firmare, non costa nulla.

Per fare una donazione che è detraibile dalle imposte, si può versare sul conto bancario: IBAN  IT92C0306903287100000004476

Stampare e consegnare al commercialista