Alzheimer: si tenta nuova sperimentazione con ADUCANUMAB

Nov 5, 2019

Cambridge USA – nov. 2019 . Una nuova sperimentazione sarà tentata sul farmaco Aducanumab dopo che i precedenti test di questo farmaco su pazienti malati erano stati interrotti per mancanza di risultati. La ditta produttrice Biogen, basandosi su nuovi dati ottenuti somministrando dosi più elevate di farmaci su un particolare gruppo di pazienti, ha annunciato di voler chiedere alla FDA (l’ente statunitense per il controllo dei farmaci) l’autorizzazione per riprendere un nuovo trattamento sperimentale su pazienti in fase precoce. La nuova ricerca richiederà 1 o 2 anni e in caso di successo si passerà alla richiesta di commercializzazione prima negli USA e successivamente presso le autorità degli altri paesi, Europa compresa.

L’Aducanumab è un farmaco che tende a ridurre gli accumuli di proteina beta amiloide presente nel cervello dei malati. Questa proteina imprigiona i neuroni e li danneggia, provocando un progressivo impoverimento di neuroni nel cervello, in un processo lentissimo che dura 15 – 20 anni. In questa lenta fase di distruzione la malattia non da sintomi, lavora al buio e chi è malato non se ne accorge e non lo sa. Per questo è molto importante fare controlli di prevenzione per verificare il proprio stato cognitivo, a partire dai 50 anni, come indica il Ministero della Salute nel progetto Interceptor. Con la diagnosi precoce si può individuare la malattia prima che il corredo neuronale venga devastato, quando c’è ancora nel cervello una buona quantità di neuroni attivi e sani e correre ai ripari rallentando la patologia con le nuove tecniche di stimolazione cognitiva sperimentate con successo al Consiglio Nazionale delle Ricerche e all’Università di Roma.

Ormai la Ricerca si va sempre più indirizzando verso le attività di prevenzione e di diagnosi precoce per anticipare la malattia nei soggetti a rischio, dato che le possibilità di cura sui pazienti con patologia conclamata finora non hanno mostrato possibilità di successo.

Per maggiori informazioni sulla prevenzione, i controlli e le attività per rallentare e contrastare l’Alzheimer:
tel. 0688814529 - 3518746014
mail. info@fondazioneigea.it
Seguici su Facebook

Condividi

LEGGI ANCHE

Il 22 Aprile anniversario della nascita di Rita Levi Montalcini è la Giornata della Salute della Donna La sua fondazione “EBRI” lavora per le ricerche su cervello importanti anche per gli effetti provocati dal COVID

Il 22 Aprile anniversario della nascita di Rita Levi Montalcini è la Giornata della Salute della Donna
La sua fondazione “EBRI” lavora per le ricerche su cervello importanti anche per gli effetti provocati dal COVID

Roma, 22 aprile 2021 - In onore della professoressa Rita Levi Montalcini il 22 aprile, data della sua nascita, è stato proclamato “Giornata della Salute della Donna”. Premio Nobel per la Medicina, Rita Levi Montalcini ha lavorato tutta la vita su due grandi obiettivi:...

leggi tutto
DAL PESCE AL FILOSOFO:  EVOLUZIONE DEL CERVELLO NEI VERTEBRATI

DAL PESCE AL FILOSOFO: EVOLUZIONE DEL CERVELLO NEI VERTEBRATI

“𝑫𝒂𝒍 𝒑𝒆𝒔𝒄𝒆 𝒂𝒍 𝒇𝒊𝒍𝒐𝒔𝒐𝒇𝒐: 𝒗𝒆𝒓𝒔𝒐 𝒖𝒏'𝒆𝒄𝒐𝒍𝒐𝒈𝒊𝒂 𝒅𝒂𝒓𝒘𝒊𝒏𝒊𝒂𝒏𝒂 𝒅𝒆𝒍𝒍𝒂 𝒎𝒆𝒏𝒕𝒆” è il tema della conferenza che terrà in streaming il Prof. Enrico Alleva, Accademico dei Lincei, il giorno 14 gennaio 2021 dalle ore 17 alle 18:30. Evento in diretta streaming al link...

leggi tutto