Ma meditazione yoga aiuta lo sviluppo del cervello e le connessioni tra i neuroni

Mag 25, 2018

La pratica della meditazione e lo stato di quiete mentale hanno degli effetti positivi sul cervello. La risonanza magnetica mostra che la pratica di Sahaja Yoga ha promosso lo sviluppo di alcune aree del cervello aumentando le connessioni fra neuroni. Lo ha afferma uno studio internazionale, guidato da Sergio Elías Hernández della Universidad de La Laguna (Tenerife). Chi è abituato alla meditazione, scrivono i ricercatori su “Neurocience” ha più sinapsi (ovvero le connessioni tra i neuroni) nelle aree legate al controllo delle emozioni e dell’attenzione. Queste regioni in genere sono invece meno attive in disturbi come depressione, ansia, iperattività e deficit d’attenzione: in questi casi la meditazione potrebbe assumere un ruolo terapeutico.

Per analizzare l’anatomia e la connettività funzionale del cervello(ovvero il modo in cui le diverse aree cooperano per svolgere delle funzioni) i ricercatori hanno sottoposto a risonanza magnetica 23 meditatori e 23 non meditatori. I primi erano esperti di Sahaja Yoga, uno dei diversi tipi di meditazione nato in India alla fine degli anni ’70.

Lo studio ha evidenziato che la corteccia del cingolo rostrale anteriore (rACC), zona del cervello connessa con il buonumore, è collegata alla capacità di mantenere il silenzio mentale, ovvero di bloccare il flusso di pensieri esterni e concentrarsi sul sé. In questa regione, nel cervello dei meditatori c’era il 7,5% in più di materia grigia, la parte costituita dai nuclei dei neuroni e dalle fibre che ricevono i segnali dagli altri neuroni, una porzione che è anche associata all’intelligenza. Inoltre, tra i meditatori, quelli che raggiungevano uno stato di silenzio mentale più profondo mostravano un volume di materia grigia superiore rispetto agli altri.

Ma cosa accade esattamente nel cervello quando si medita? Lo spiega Marco Feligioni, esperto in neuroscienze e ricercatore dell’European Brain Research Institute (EBRI), l’Istituto Europeo di Ricerca sul Cervello fondato da Rita Levi Montalcini intervistato da Galileo.net In che modo la meditazione aumenta le connessioni fra neuroni e la materia grigia? “La meditazione stimola il rilascio di neurotrasmettitori, sostanze che favoriscono il trasferimento delle informazioni fra neuroni. I neurotrasmettitori aumentano la plasticità sinaptica, ovvero la comunicazione tra cellule neuronali. Questi fattori, che sono in grado di regolare sia la funzionalità che la morte cellulare, sono anche alla base della formazione di nuove connessioni tra neuroni, le sinapsi. E la creazione di sinapsi comporta un aumento di materia grigia, dato che implica la produzione di proteine e membrane, quindi una crescita di massa e volume”.

Lo studio in questione ha preso in esame lo Sahaja Yoga, un tipo di meditazione molto spirituale: secondo lei questo particolare tipo di meditazione è più efficace nella stimolazione delle sinapsi di altri o pensa che con altre pratiche gli effetti sarebbero equivalenti? “La potenzialità della meditazione cambia a seconda dell’individuo. Non è la pratica stessa che ha un effetto chimico, come se fosse un farmaco, ma è l’elaborato della meditazione che si trasforma in un segnale chimico, e questo può quindi variare da persona a persona. Di conseguenza tipi diversi di meditazione avranno effetti diversi su persone diverse, probabilmente anche a seconda delle credenze religiose”.

Perché è importante studiare gli effetti della meditazione sul cervello? “Attualmente conosciamo alcune patologie che si manifestano con un’atrofizzazione di alcune aree del cervello, e dunque siamo alla ricerca di terapie che possano riabilitare queste zone, per esempio con cellule staminali che sostituiscano le cellule morte. La meditazione potrebbe essere molto importante nel coadiuvare queste terapie: se ne comprendessimo a fondo il meccanismo di azione, potrebbe avere un ruolo importante nel riaccendere le aree con deficit neuronale“. Per la prevenzione contro l’invecchiamento del cervello, la perdita di memoria e le patologie collegate come le demenze e l’Alzheimer è stato realizzato al Consiglio Nazionale delle Ricerche, Istituto di Neuroscienze, il protocolloTrain the Brain, che ha dato risultati positivi nell’80% dei soggetti trattati. Per diffondere il protocollo è stata costituita la Fondazione IGEA Onlus. Per informazioni info@fondazioneigea.it anche su facebook.

Condividi

LEGGI ANCHE

Il 22 Aprile anniversario della nascita di Rita Levi Montalcini è la Giornata della Salute della Donna La sua fondazione “EBRI” lavora per le ricerche su cervello importanti anche per gli effetti provocati dal COVID

Il 22 Aprile anniversario della nascita di Rita Levi Montalcini è la Giornata della Salute della Donna
La sua fondazione “EBRI” lavora per le ricerche su cervello importanti anche per gli effetti provocati dal COVID

Roma, 22 aprile 2021 - In onore della professoressa Rita Levi Montalcini il 22 aprile, data della sua nascita, è stato proclamato “Giornata della Salute della Donna”. Premio Nobel per la Medicina, Rita Levi Montalcini ha lavorato tutta la vita su due grandi obiettivi:...

leggi tutto
DAL PESCE AL FILOSOFO:  EVOLUZIONE DEL CERVELLO NEI VERTEBRATI

DAL PESCE AL FILOSOFO: EVOLUZIONE DEL CERVELLO NEI VERTEBRATI

“𝑫𝒂𝒍 𝒑𝒆𝒔𝒄𝒆 𝒂𝒍 𝒇𝒊𝒍𝒐𝒔𝒐𝒇𝒐: 𝒗𝒆𝒓𝒔𝒐 𝒖𝒏'𝒆𝒄𝒐𝒍𝒐𝒈𝒊𝒂 𝒅𝒂𝒓𝒘𝒊𝒏𝒊𝒂𝒏𝒂 𝒅𝒆𝒍𝒍𝒂 𝒎𝒆𝒏𝒕𝒆” è il tema della conferenza che terrà in streaming il Prof. Enrico Alleva, Accademico dei Lincei, il giorno 14 gennaio 2021 dalle ore 17 alle 18:30. Evento in diretta streaming al link...

leggi tutto