La ricerca sta abbandonando gli studi per i farmaci contro l’Alzheimer, sperimentazioni diminuite del 90%

Ago 2, 2019

Roma, 31 luglio 2019 - Gli studi per sviluppare un farmaco contro la malattia di Alzheimer si stanno fermando. Dei 1300 progetti avviati in sperimentazione nel 2013 oltre il 90% sono stati abbandonati e oggi ne sopravvivono poco più di un centinaio. Tutte le principali case farmaceutiche, ultime la Pfizer e la Biogen hanno chiuso i loro filoni di ricerche sull’Alzheimer perché gli scarsi risultati ottenuti indicano molto “improbabile” arrivare ad un risultato significativo. Questa malattia colpisce nel mondo oltre 40 milioni di persone che diventeranno 130 milioni nel 2050, un mercato di grandi dimensioni per l’industria del farmaco. che malgrado queste importanti prospettive sta rinunciando a causa delle difficoltà.


Ma se da un lato si riduce la speranza di trovare in tempi brevi un farmaco per i malati di Alzheimer, l’attenzione della medicina si sta spostando sulle possibilità di prevenzione, da realizzarsi senza farmaci, e che mostrano di poter allontanare il rischio di ammalarsi. In particolare il recente protocollo non farmacologico “Train the Brain” sviluppato dal Prof. Lamberto Maffei all’Istituto di Neuroscienze del Consiglio Nazionale delle Ricerche ha dato risultati positivi nell’80% dei soggetti trattati e in alcuni casi ha anche aiutato nel recupero delle facoltà che la malattia aveva deteriorato. Le persone sottoposte al trattamento erano tutti soggetti con la patologia in forma lieve o moderata. Questo dimostra che se la patologia viene presa in tempo e diagnosticata all’inizio, è possibile frenarla e contrastarla, prima che la malattia stessa provochi danni irreversibili. Le attività di prevenzione, che iniziano con un controllo dello stato cognitivo, sono fondamentali e sia il Ministero della salute, sia la Commissione Europea raccomandano a tutti di fare controlli a partire dai 50 anni.


Tra le attività di prevenzione contro l’Alzheimer sono raccomandati i corretti stili di vita: non fumare, svolgere regolare attività fisica, evitare l’alcol e le droghe, controllare l’ipertensione, svolgere una vita socialmente attiva. Solo seguendo queste semplici regole si riduce il rischio di Alzheimer del 30%, come risulta dagli studi svolti dalla prestigiosa rivista scientifica Lancet e dall’Università di Exter (Regno Unito).

Condividi

LEGGI ANCHE

Il 22 Aprile anniversario della nascita di Rita Levi Montalcini è la Giornata della Salute della Donna La sua fondazione “EBRI” lavora per le ricerche su cervello importanti anche per gli effetti provocati dal COVID

Il 22 Aprile anniversario della nascita di Rita Levi Montalcini è la Giornata della Salute della Donna
La sua fondazione “EBRI” lavora per le ricerche su cervello importanti anche per gli effetti provocati dal COVID

Roma, 22 aprile 2021 - In onore della professoressa Rita Levi Montalcini il 22 aprile, data della sua nascita, è stato proclamato “Giornata della Salute della Donna”. Premio Nobel per la Medicina, Rita Levi Montalcini ha lavorato tutta la vita su due grandi obiettivi:...

leggi tutto
DAL PESCE AL FILOSOFO:  EVOLUZIONE DEL CERVELLO NEI VERTEBRATI

DAL PESCE AL FILOSOFO: EVOLUZIONE DEL CERVELLO NEI VERTEBRATI

“𝑫𝒂𝒍 𝒑𝒆𝒔𝒄𝒆 𝒂𝒍 𝒇𝒊𝒍𝒐𝒔𝒐𝒇𝒐: 𝒗𝒆𝒓𝒔𝒐 𝒖𝒏'𝒆𝒄𝒐𝒍𝒐𝒈𝒊𝒂 𝒅𝒂𝒓𝒘𝒊𝒏𝒊𝒂𝒏𝒂 𝒅𝒆𝒍𝒍𝒂 𝒎𝒆𝒏𝒕𝒆” è il tema della conferenza che terrà in streaming il Prof. Enrico Alleva, Accademico dei Lincei, il giorno 14 gennaio 2021 dalle ore 17 alle 18:30. Evento in diretta streaming al link...

leggi tutto