L’invecchiamento del cervello inizia a 45 anni, ma non per tutti, si può evitare con l’allenamento cognitivo

Giu 7, 2018

Roma, 7 giugno 2018 - Nelle persone normali, secondo uno studio apparso sul British Medical Journal, il progressivo e inesorabile invecchiamento del cervello inizia già intorno ai 45 anni, ovvero – spiega una nota dell’ANSA - 15 anni prima di quanto si pensava. Ma alcuni individui sembrano essere indenni. Da Rita Levi Montalcini ad Andrea Camilleri o Umberto Veronesi, ci sono persone che superano indenni la fatidica soglia dei 90 anni senza accusare cedimenti nella memoria.

Recenti ricerche hanno dimostrato che la loro 'memoria superiore' è associata a una minore atrofia cerebrale e una minore prevalenza dei cambiamenti patologici associati al morbo di Alzheimer. Ora, il nuovo studio mostra che gran parte di questo 'aiutino' viene fornito da una variazione genetica. I ricercatori del Translational Genomics Research Institute (TGen) e della Northwestern University, negli Usa, hanno sequenziato i genomi di 56 SuperAgers, definiti come individui di età pari o superiore a 80 anni che, nei test di memoria, hanno ottenuto valori normativi pari o superiori alla media degli adulti di età compresa tra 50 e 65 anni".

Li hanno quindi confrontati con un gruppo di controllo di 22 persone che hanno ottenuto invece un punteggio nella media. Hanno così scoperto che i SuperAgers presentavano cambiamenti genetici nel gene MAP2K3. Il fatto che queste persone abbiano una marcia in più di tipo genetico, interessa però tutti perché lascia ben sperare per il futuro. "Gli inibitori del MAP2K3 possono rappresentare una nuova strategia terapeutica per potenziare le capacità cognitive e difenderle dall'Alzheimer", spiega l'autrice senior dello studio Emily J. Rogalski, professore associato alla Northwestern. Si tratta di un nuovo interessante filone di ricerca molto promettente. Nel frattempo, sottolinea Raffaele Antonelli Incalzi, presidente della Società Italiana di Gerontologia e Geriatria (SIGG). restano validi i consigli degli esperti per tenere in allenamento il cervello: “niente fumo, poco alcol e no alla sedentarietà, sì alla dieta mediterranea, alla lettura e ai contatti sociali, meglio se tra generazioni diverse. Senza dimenticare l'importanza di una vita ricca di interessi e stimoli, anche musicali".

Per la prevenzione contro l’invecchiamento cerebrale, la perdita di memoria e le patologie collegate, occorre tenere allenato il cervello e seguire il protocollo Train the Brain, la Palestra della Mente, realizzato all’Istituto di Neuroscienze del Consiglio Nazionale delle Ricerche, che ha dato risultati positivi, portando miglioramenti nell’80% dei soggetti trattati.

Il protocollo Train the Brain viene diffuso e applicato a Roma dalla Fondazione IGEA Onlus. Per approfondire info@fondazioneigea.it anche su facebook.

Condividi

LEGGI ANCHE

Il 22 Aprile anniversario della nascita di Rita Levi Montalcini è la Giornata della Salute della Donna La sua fondazione “EBRI” lavora per le ricerche su cervello importanti anche per gli effetti provocati dal COVID

Il 22 Aprile anniversario della nascita di Rita Levi Montalcini è la Giornata della Salute della Donna
La sua fondazione “EBRI” lavora per le ricerche su cervello importanti anche per gli effetti provocati dal COVID

Roma, 22 aprile 2021 - In onore della professoressa Rita Levi Montalcini il 22 aprile, data della sua nascita, è stato proclamato “Giornata della Salute della Donna”. Premio Nobel per la Medicina, Rita Levi Montalcini ha lavorato tutta la vita su due grandi obiettivi:...

leggi tutto
DAL PESCE AL FILOSOFO:  EVOLUZIONE DEL CERVELLO NEI VERTEBRATI

DAL PESCE AL FILOSOFO: EVOLUZIONE DEL CERVELLO NEI VERTEBRATI

“𝑫𝒂𝒍 𝒑𝒆𝒔𝒄𝒆 𝒂𝒍 𝒇𝒊𝒍𝒐𝒔𝒐𝒇𝒐: 𝒗𝒆𝒓𝒔𝒐 𝒖𝒏'𝒆𝒄𝒐𝒍𝒐𝒈𝒊𝒂 𝒅𝒂𝒓𝒘𝒊𝒏𝒊𝒂𝒏𝒂 𝒅𝒆𝒍𝒍𝒂 𝒎𝒆𝒏𝒕𝒆” è il tema della conferenza che terrà in streaming il Prof. Enrico Alleva, Accademico dei Lincei, il giorno 14 gennaio 2021 dalle ore 17 alle 18:30. Evento in diretta streaming al link...

leggi tutto